Special guest, stampante 3D open source

21 agosto 2014
Commenti Commenti disabilitati su Special guest, stampante 3D open source
21 Agosto 2014, Commenti Commenti disabilitati su Special guest, stampante 3D open source
Uno speciale ospite è venuto a farci visita in questi giorni d’agosto, e ci ha portato una stampante 3D costruita sulla base del più diffuso progetto open source in materia. Prusa i3 è il nome della stampante in questione in grado di portare in vita “qualsiasi” oggetto a partire da un modello a 3 dimensioni.

Si è molto parlato di stampa 3D sul web e addirittura in TV negli ultimi mesi, in realtà non è corretto parlare di stampanti 3D perché la maggior parte dei modelli in circolazione, esattamente come quella che abbiamo avuto nel nostro laboratorio, appartengono alla categoria dei cosiddetti “rapid prototyper”, vale a dire uno strumento che permetta ad un professionista o appassionato di realizzare in tempi brevi (nell’ordine delle poche ore) un prototipo del suo progetto. RepRap (replicating rapid prototyper) è il nome originale del progetto, fondato nel 2005 dal dottor Adrian Bowyer con l’intento di costruire una stampante 3D dai prezzi accessibili e in grado di “autoreplicarsi” ovvero in grado di riprodurre la maggior parte dei componenti necessari alla sua realizzazione.

Il progetto originale si è poi evoluto negli anni fino ad arrivare ad oggi dove abbiamo fondamentalmente due categorie di prodotti. La prima è quella delle stampanti open source come quella del nostro ospite, con tutti i vantaggi che tale filosofia comporta, ovvero la realizzazione di modelli e design condivisi e sviluppati in una community mondiale, abbondano quindi forum e siti che raccolgono appassionati e informazioni riguardanti ogni aspetto della stampa a tre dimensioni. L’altra categoria è quella invece delle grandi aziende che si sono interessate al mercato di questi dispositivi realizzando quindi stampanti pronte all’uso, seguendo però design proprietari. La portata di questo fenomeno è tale che addirittura Microsoft non solo ha predisposto Windows 8.1 per l’utilizzo con alcuni modelli commerciali di queste stampanti ma ha addirittura riservato uno spazio a questi prodotti in molti Microsoft Store americani.

Spendiamo due parole sulla stampante che abbiamo conosciuto in questi giorni, il modello è una Prusa i3, uno dei design open source più diffusi e apprezzati a livello mondiale. L’assemblaggio di una macchina di questo tipo è  passato attraverso diverse fasi, è stata infatti costruita da zero, utilizzando materiali comuni insieme a componenti specializzati seguendo il progetto originale ma aggiungendo delle piccole migliorie. Dopo la costruzione si è passati alla fase di ottimizzazione con l’obbiettivo di ottenere la miglior qualità di stampa per questo tipo di setup. Il mondo della stampa 3D è in continua evoluzione, in questi giorni abbiamo avuto modo di vedere e sperimentare quello che chiunque potrebbe realizzare con un po’ di impegno e passione anche a casa propria, i prossimi anni saranno sicuramente decisivi per lo sviluppo e la diffusione di questa tecnologia. Come è successo in passato con molte innovazioni, anche se all’inizio potevano sembrare di nicchia e per pochi esperti, è possibile che tra qualche anno la stampante 3D diventi un gadget presente in ogni casa.

Modelli 3D di esempio

Comments are closed.